Agroscope cerca:

Responsabile gruppo di ricerca viticoltura

80 - 100% / 8820 Wädenswil ZH
Mangiar bene in un ambiente sano
Il settore di competenze «Piante e prodotti vegetali» è il punto d'ingresso e nel contempo la piattaforma di scambio per tutti gli aspetti della produzione vegetale e delle sue fasi successive. Il settore è inoltre responsabile delle rispettive attività di ricerca, consulenza e implementazione delle norme vicine alla pratica.
La persona scelta guiderà il gruppo di ricerca «Estensione viticoltura» del settore di competenze «Piante e prodotti vegetali» di Agroscope e sarà responsabile delle attività di ricerca specifiche del settore viticolo nel quadro del programma di lavoro di Agroscope. Lavorerà attivamente in collaborazione con il centro di viticoltura di Wädenswil e ne sosterrà il processo di profilamento come nuovo centro di competenza nella Svizzera tedesca. Nel contempo, rivestirà il ruolo di persona di contatto per le necessità in materia di ricerca del settore e per gli organi specializzati cantonali.

Mansioni

  • Dirigete il gruppo di ricerca «Estensione viticoltura» della sede di Agroscope di Wädenswil e siete il responsabile della ricerca scientifica in viticultura di Agroscope per la Svizzera tedesca.
  • Siete il responsabile per le attività sperimentali nei settori viticoltura ed enologia (varietà, metodi di coltivazione, tecniche di cantina) nella Svizzera tedesca.
  • Pianificate e gestite zione i progetti di ricerca nell'ambito protezione vegetale nella viticoltura e assumete la funzione di supplente responsabile degli incarti di fitopatologia in viticoltura (compiti esecutivi omologazione prodotti fitosanitari).
  • Responsabile del trasferimento delle conoscenze scientifiche e altre attività trasversali.
 

Requisiti

  • Diploma SUP o PF come ingegnere agronomo (oppure qualifica comparabile) con approfondimento produzione vegetale
  • Esperienza dirigenziale e di ricerca in viticoltura e in enologia, buone connessioni nel settore
  • Persona con capacità dirigenziali orientata alle prestazioni, in grado di lavorare in team, comunicativa e dinamica. Flessibile e abituata a lavorare in modo affidabile e autonomo e ad assumersi delle responsabilità
  • Interesse alle patologie che colpiscono la viticoltura, in particolare alla ricerca di questo settore e alle questioni legate alla pratica della viticoltura
  • Ottime conoscenze attive di due lingue ufficiali e dell'inglese

Informazioni complementari


È interessata-o a questa nuova sfida? Se il Suo profilo corrisponde alle competenze richieste, non esiti a inviarci la candidatura completa online (www.stelle.admin.ch, no.rif. 35800).

Termine di invio per le candidature: 31 ottobre 2018

Desidera ricevere più informazioni? Per maggiori informazioni, si prega di rivolgersi al responsabile del settore di competenze, Dr. Willy Kessler (tel. +41 58 468 72 76).
Numero di riferimento: 35800

Siete interessati?

Desiderate candidarvi? Inviate al vostro indirizzo e-mail l’offerta d’impiego che vi interessa e candidatevi comodamente da casa.

Il datore di lavoro


Agroscope è un istituto di ricerca, per l'agricoltura e la filiera alimentare, innovatore e gestito secondo i principi del New Public Management. Fa parte della Confederazione svizzera ed è subordinato al Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca DEFR. Svolge le proprie attività in diverse località svizzere. La sede principale è a Berna Liebefeld.

Il gruppo di ricerca «Estensione viticoltura» di Wädenswil fa parte del Centro viticolo di Wädenswil (www.weinbauzentrum.ch) ed è responsabile della ricerca viticola orientata alla pratica nella Svizzera tedesca compreso il trasferimento delle conoscenze e altre attività trasversali per Agroscope.

Offriamo un'attività lavorativa variata in un ambiente di lavoro interessante e un'accurata introduzione, un orario di lavoro flessibile e prestazioni sociali vantaggiose.

Entrata in servizio: 1° dicembre 2018 o in data da convenire.
L'Amministrazione federale è attenta ai diversi vissuti dei suoi collaboratori e ne apprezza la diversità. La parità di trattamento gode quindi della massima priorità.