Il Dipartimento federale degli affari esteri DFAE cerca:

Un/a praticante universitario/a – Sezione Giustizia e affari interni, Direzione degli affari europei (DAE)

100% / Berna

Nel centro nevralgico della politica europea svizzera, il/la praticante universitario/a sarà di supporto alla Sezione Giustizia e affari interni della DAE nel coordinamento dell'associazione a Schengen/Dublino della Svizzera e nella gestione di questioni attuali legate alla politica migratoria europea e alla cooperazione nell'ambito della sicurezza e della giustizia. La possibilità di lavorare a contatto con vari uffici a Berna e con la Missione della Svizzera a Bruxelles permette di comprendere il funzionamento dell'Amministrazione federale e delle istituzioni dell'UE da una posizione particolare.

Mansioni

  • Creare schede sui singoli Paesi e documentazione integrativa sugli sviluppi della politica europea in materia di migrazione e di cooperazione a livello giudiziario e di polizia
  • Fornire supporto alla funzione di coordinamento della DAE per quanto riguarda la partecipazione della Svizzera ai processi europei di Schengen e Dublino (gruppi di lavoro della Commissione e comitati del Consiglio dell'UE)
  • Seguire determinati sviluppi giuridici a livello europeo nonché il loro recepimento e la loro attuazione in Svizzera
  • Smistare e rispondere alle consultazioni degli uffici, aggiornare gli strumenti di pianificazione, fornire assistenza alle piattaforme informative interne all'Amministrazione federale ecc.
 

Requisiti

  • Studio presso un'università o una scuola universitaria professionale, preferibilmente diploma di master in giurisprudenza o in scienze umane e sociali
  • Forte interesse per la politica europea, in particolare per la politica migratoria e/o di sicurezza
  • Metodo di lavoro autonomo ed efficiente, socievolezza, intraprendenza, flessibilità e resistenza allo stress
  • Buone doti redazionali, in particolare capacità di spiegare fatti complessi in modo conciso e adeguato al target
  • Buone conoscenze scritte e orali di due lingue ufficiali e dell'inglese

Informazioni complementari


Per maggiori informazioni rivolgersi al signor Fabian Hunold, caposezione Giustizia e affari interni, tel. +41 58 461 1560, o alla signora Elisa Ravasi, caposezione supplente, tel. +41 58 468 7097.

Entrata in servizio: 1° gennaio 2020 o in data da convenire
Limitazione del posto: 31 dicembre 2020
Termine per la presentazione delle candidature: 17 novembre 2019
Numero di riferimento: 40413

Siete interessati?

Desiderate candidarvi? Inviate al vostro indirizzo e-mail l’offerta d’impiego che vi interessa e candidatevi comodamente da casa.

Il datore di lavoro


Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) coordina e definisce, su mandato del Consiglio federale, la politica estera della Svizzera, tutela gli interessi del Paese e promuove i valori svizzeri.

La Direzione degli affari europei (DAE) è il centro di competenza della Confederazione per tutte le questioni che attengono alla politica europea. Su incarico del Consiglio federale, la DAE monitora la politica d'integrazione europea e ne valuta le conseguenze per la Svizzera. Coordina inoltre la negoziazione di trattati con l'UE in stretta collaborazione e co-responsabilità con gli uffici competenti per i dossier pertinenti. Informa l'opinione pubblica sulla politica europea della Svizzera e sull'integrazione europea.

La Direzione degli affari europei (DAE) è responsabile dell'organizzazione e del coordinamento delle relazioni della Svizzera con l'Unione europea (UE) e con i suoi Stati membri. La Sezione Giustizia e affari interni coordina l'associazione della Svizzera a Schengen/Dublino e fa in modo che vengano rispettati i diritti di partecipazione svizzeri in questo settore politico dell'UE. Si occupa inoltre di questioni generali della politica migratoria e di asilo europea come pure della sicurezza interna a livello europeo (p. es. cooperazione in ambito giudiziario e di polizia).
L'Amministrazione federale è attenta ai diversi vissuti dei suoi collaboratori e ne apprezza la diversità. La parità di trattamento gode quindi della massima priorità.

Luogo di lavoro: Palazzo federale Est, 3003 Berna